Home Attualità Innovazione  La linea 114 di Telefono Azzurro, Emergenza Infanzia, diventa sempre più smart (e stringe un accordo con Italo Treno)

 La linea 114 di Telefono Azzurro, Emergenza Infanzia, diventa sempre più smart (e stringe un accordo con Italo Treno)

5 min lettura
0
0
9

La linea 114 di Telefono Azzurro, Emergenza Infanzia, diventa sempre più smart (e stringe un accordo con Italo Treno) 06 agosto 2018,23:07

Ale Ventura / AltoPress / PhotoAlto

Un bambino gioca con il papà
share tweet share share share mail share telefono azurro emergenza infanzia italo treno

La linea telefonica 114, Emergenza Infanzia, il servizio curato da Telefono Azzurro e rivolto a tutti coloro vogliano segnalare una situazione di pericolo e di emergenza in cui sono coinvolti bambini e adolescenti. compie 15 anni. In occasione di questo importante anniversario è stata annunciata una collaborazione con Italo attraverso l’iniziativa #abordoconil114.

L’obiettivo della campagna

L’obiettivo principale è quello di dar voce ai bambini e agli adolescenti, offrendo loro la possibilità di raccontarsi, di esprimere i loro bisogni e le loro difficoltà, anche attraverso i nuovi canali di comunicazione senza che sia necessaria una mediazione degli adulti. Oltre alla classica telefonia fissa, infatti, è oggi possibile contattare Telefono Azzurro anche attraverso il numero mobile, via chat, sms, whatsapp o scaricando la nuova App.

Il ruolo di Italo

Italo ha deciso perciò di diffondere la conoscenza del nuovo servizio multicanale, che offre assistenza psicologica e consulenza psico-pedagogica, legale e sociologica in situazioni di disagio, attraverso i propri canali social ufficiali e il suo sito web. Oltre che sulla rivista di bordo “Italo. I sensi del viaggio”. In questo modo la linea Emergenza Infanzia 114, multilingue e attiva gratuitamente 24 ore su 24, sarà ancora più facilmente raggiungibile dai bambini e dagli adolescenti fino ai 18 anni, ma anche dagli adulti e gli operatori dei servizi, e potrà agire con interventi tempestivi a tutela dei bambini e degli adolescenti in pericolo. “Italo è orgoglioso di sostenere il lavoro di Telefono Azzurro che con grande competenza e sensibilità è riuscito nel tempo non solo a garantire un intervento a breve termine, ma anche a facilitare la costruzione di un progetto a medio-lungo termine con il nucleo familiare” dichiara Antonella Zivillica Direttore Relazioni Esterne e Stampa Italo “Siamo convinti che l’informazione sia alla base della riuscita del progetto e per questo abbiamo deciso di veicolare attraverso i nostri canali tutte le indicazioni utili a conoscere le molteplici possibilità di contatto con il personale altamente qualificato di Telefono Azzurro”

I numeri di Telefono Azzurro

Telefono Azzurro, nato nel 1987 a Bologna come prima Linea Nazionale di Prevenzione dell'Abuso all'Infanzia, ha da sempre, infatti, l'obiettivo di garantire a bambini e adolescenti il diritto all'ascolto e alla protezione dalle violenze, nel rispetto della Convenzione ONU sui diritti del fanciullo. Diversi sono i casi gestiti e i numeri riscontrati, solo la linea 114 ha registrato nel 2017 1.301 segnalazioni di contenuti pedopornografici presenti in rete e sui media, praticamente ogni 72 ore circa si è verificato un abuso sessuale su minore. In 4 casi su 10 la vittima ha meno di 10 anni, con una prevalenza di bambine (71,7%). Il Presidente, Ernesto Caffo ci tiene a ricordare “attraverso l’ascolto Telefono Azzurro ha fatto conoscere i bisogni di bambini e adolescenti, per questo la collaborazione con Italo per noi è preziosa perché è rivolta a sensibilizzare sul tema della sostenibilità sociale, viaggiando nell'educazione della cultura, del volontariato e della solidarietà in tutta Italia, tutto questo grazie ad un'unica parola chiamata informazione”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it

Articolo Originale

Carica articoli correlati
Carica articoli di Rete Liberale
Carica altri artcoli Innovazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Migranti: Aquarius, rammarico Parigi per “dura politica italiana”

share tweet share …