Home Comunicati stampa Messina 28.05.2018

Messina 28.05.2018

7 min lettura
0
0
32
banner rete liberale comunicati stampa

Due leader di partito, demagoghi irresponsabili come Di Maio e Salvini, ai quali si è accodata Meloni, dopo avere tentato di uscire capziosamente dall’UE e dall’Euro per interposto ministro Savona, senza neppure dirlo, stanno precipitando l’Italia nel caos politico, e, nel tentativo di acchiappare qualche voto in più, strumentalizzano la vicenda addebitando al Presidente Mattarella responsabilità che sono esclusivamente loro proprie, così trasformando la crisi da politica in istituzionale.

Il problema vero non è mai stato la candidatura a ministro del prof. Savona, che ha l’unico torto di essersi prestato a questo sporco gioco, ma piuttosto il fatto che il programma di governo avrebbe avuto un costo oscillante tra 108,7 e 125,7 mld di euro, mentre erano previsti risparmi per appena 500 milioni, secondo i calcoli dell’Osservatorio dei Conti Pubblici Italiani, ricavati da documenti e stime di varia e documentata paternità.

Questo costo sarebbe stato chiaramente insostenibile restando nell’euro, e quindi non sarebbe stato possibile mettere a esecuzione le promesse elettorali trasfuse nel programma.

Sarebbe stato quindi necessario uscirne in qualche modo, addossando agli altri paesi la responsabilità dell’uscita e poi mettendosi a stampare moneta italiana, il che avrebbe fatto impennare l’inflazione e azzerato i risparmi degli italiani. Savona sarebbe stato solo la testa di ariete per coprire con la sua innegabile autorevolezza la perversa volontà dei novelli Dioscuri di uscire dalla gabbia nella quale si erano infilati con le loro mirabolanti promesse.

In alternativa, occorreva tentare di addossare al Presidente della Repubblica la responsabilità del mancato governo, che Salvini e Di Maio per primi non volevano.

Il Presidente Mattarella, che ha mostrato in questa vicenda una infinita pazienza, ha dovuto in qualche modo fermare questo diabolico disegno, e a Lui va data la massima solidarietà dei liberali per avere preservato il quadro economico del Paese e insieme le prerogative del Capo dello Stato, messe in dubbio dallo scriteriato diktat che gli è stato rivolto.

Per solidarizzare col Presidente Mattarella il presidente di Democrazia Liberale, Enzo Palumbo, gli ha indirizzato questa mattina una mail in cui ha tra l’altro scritto:

On. le Presidente,Le scrivo questa mail per darLe atto dell’infinita pazienza che Lei ha dimostrato in occasione di questa crisi politica, e per solidarizzare con le parole, ad un tempo accorate e coraggiose, che ha pronunziato ieri sera, quando, rivendicando i Suoi doveri costituzionali verso gli italiani assai più che le Sue innegabili prerogative, ha bloccato la china pericolosa che il nascente Governo penta-leghista stava per fare imboccare al nostro Paese, dopo l’inammissibile e strumentale diktat di Salvini finalizzato a umiliare l’istituzione presidenziale al precipuo scopo di ottenerne l’inevitabile rigetto e quindi provocare la crisi istituzionale che stiamo vivendo.

Temo tuttavia che elezionitroppo ravvicinate possano aggravare la deriva demagogica (ancor più che populista) che Lega e 5Stelle stanno spregiudicatamente coltivando (col patetico tentativo di FdI di inseguirli su quel terreno), e tutti nel tentativo di raccattare qualche voto in più; e temo che l’Italia finisca per precipitare in uno scontro tra la parte più suggestionabile del Paese e le istituzioni repubblicane, a partire dalla Presidenza della Repubblica; e, se così fosse, ne risulterebbe pregiudicato anche il giusto e doveroso obiettivo da Lei perseguito per salvaguardare la collocazione europea e internazionale dell’Italia.

Mi permetto quindi di chiederLe di mettere in opera tutte le iniziative istituzionali che riterrà più opportune per evitare lo svolgimento di elezioni immediate, in modo da fare decantare la situazione, e poi chiamare gli italiani al voto dopo che si saranno stemperate le attuali tensioni suscitate dai demagoghi in servizio permanente effettivo. ……..  Abbiamo tutti bisogno di qualche mese in più, che ci consenta di riflettere sui rischi che abbiamo corso, evitando quelli che ancora potremmo correre.Gradisca, coi miei più rispettosi saluti, i sensi della mia più completa solidarietà”.

Il Segretario Politico di Democrazia Liberale

Pippo Rao

Carica articoli correlati
Carica articoli di Rete Liberale
  • banner rete liberale comunicati stampa

    Messina 27.02.2018

    “NON CON QUESTA LEGGE ELETTORALE”, ENNESIMO FURTO DI DEMOCRAZIA ! La Giunta Esecutiva di R…
  • banner rete liberale comunicati stampa

    Messina 17.02.2018

    Nel corso della prima assemblea dei soci fondatori, il Movimento Politico RETE LIBERALE PE…
Carica altri artcoli Comunicati stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Migranti: Aquarius, rammarico Parigi per “dura politica italiana”

share tweet share …